Rimozione selettiva di metalli



Quando a valle di un impianto di trattamento Chimico Fisico vengono riscontrate concentrazioni di metalli vicine o superiori al limite di legge è necessario migliorare il ciclo di trattamento per ridurre la concentrazione dei metalli.
In alcuni casi però, vuoi per le concentrazioni estremamente basse accettate allo scarico, vuoi per la presenza nell’acqua di sostanze complessanti che si legano ai metalli impedendone la completa precipitazione non è comunque possibile raggiungere i limiti di legge.
E’ allora necessario inserire a valle del trattamento chimico fisico un’apparecchiatura di rimozione dei metalli che utilizza delle colonne a scambio ionico contenenti resine di tipo chelante.
Queste resine agiscono solo sui metalli presenti trattenendoli e lasciano passare inalterati i Sali presenti. A ciclo esaurito una doppia rigenerazione (Acido e Base) eluisce i metalli trattenuti riportando la resina in condizione operativa.
Per minimizzare la concentrazione residua normalmente si collegano almeno due colonne uguali in serie tra loro.